NAD Electronics Logo del 50° anniversario

La verità al potere

Nel corso di 50 anni, NAD è diventata un nome familiare per gli appassionati di musica e audio. Nel corso della storia, NAD ha progettato senza sosta prodotti hi-fi secondo i principi di innovazione, prestazioni, valore e semplicità. Ricordate le tappe storiche di uno dei marchi hi-fi più apprezzati al mondo.

  • La fondazione di NAD

    Un gruppo di distributori di hi-fi lungimiranti si è sentito frustrato dallo stantio settore dell'hi-fi in Europa e ha unito le forze per creare un marchio incentrato sul valore piuttosto che sul design superfluo. Marty Borish, un veterano dell'industria hi-fi americana, prese l'iniziativa di trasformare il sogno in realtà. All'epoca, il mercato era saturo di due filosofie: la ricerca della migliore qualità del suono, a prezzo zero, e il prezzo più basso, a condizione che il prodotto emettesse suoni simili alla musica. Insoddisfatto di questo approccio dicotomico dell'industria, Borish fondò la New Acoustic Dimension (in breve "NAD") per garantire che gli amanti della musica di tutto il mondo potessero permettersi il miglior suono possibile senza gli espedienti che erano comuni nel settore.

  • I primi giorni

    NAD operava secondo un modello orientato al consumatore, dando priorità alle esigenze degli appassionati di hi-fi. Non volendo sostenere le spese generali di una fabbrica, ha scelto di utilizzare la produzione a contratto come modello operativo. Il design dei primi prodotti di NAD era minimalista, senza luci lampeggianti o abbellimenti fantasiosi, contrariamente a quanto facevano i loro concorrenti più vicini.

  • BEE e il 3020

    Bjørn-Erik Edvardsen (BEE), ex ingegnere dei Dolby Laboratories, ha sfidato le aspettative di ciò che un amplificatore in classe A/B da 20 watt per canale poteva raggiungere con la realizzazione del 3020. Rilasciato nel 1978, l'amplificatore integrato stereofonico 3020 di NAD catapultò rapidamente il marchio in un nome familiare e divenne l'amplificatore hi-fi più venduto della storia.

  • Lancio del giradischi 5120

    Il 5120 era un giradischi notevole, noto per il suo design insolito volto a controllare meglio la risonanza. Il piatto era posizionato su una piattaforma a molla in grado di assorbire il jitter, mentre il braccio era piatto invece della comune forma tubolare ed era tagliato con lo stesso materiale delle schede dei circuiti. Il design del braccio eliminava le risonanze orizzontali, mentre quelle verticali erano controllate da un contrappeso regolabile che si muoveva lungo l'asse del braccio ed era montato su un meccanismo a molla. La leggerezza del braccio stesso permetteva alla puntina di spostarsi senza sforzo sul disco e di ottenere informazioni più dettagliate dai suoi solchi, creando una maggiore precisione nella riproduzione tonale rispetto ad altri giradischi.

  • Amplificazione di classe G

    Successivamente, Bjørn-Erik lavorò per perfezionare l'amplificazione in classe G, che prevedeva un secondo alimentatore più piccolo che entrava in funzione solo quando erano necessari quei brevi momenti di potenza dinamica. Il primo progetto di questo tipo fu chiamato Power Envelope e debuttò nel 1984 con l'amplificatore 2200. Più tardi, nel 1997, fu introdotto il PowerDrive con il modello C 320, che perfezionava ulteriormente il progetto della Classe G, grazie al quale il secondo alimentatore era sempre "acceso" e pronto a gestire carichi maggiori senza la necessità di accenderlo. Il progetto PowerDrive eliminava le potenziali distorsioni introdotte dall'intervento del secondo alimentatore. Il PowerDrive rimase una caratteristica della gamma di prodotti NAD fino all'adozione di piattaforme di amplificazione in Classe D.

  • 1987 Lancio del registratore a cassette 6300

    La piastra a cassette 6300 di NAD si distingueva per l'inclusione di due tecnologie all'avanguardia, Dolby HX Pro e Dyneq, che insieme correggevano la nota saturazione degli acuti delle cassette come sorgente e creavano alcune delle risposte in frequenza più piatte di qualsiasi piastra a cassette, anche di quelle a molti multipli del suo prezzo. Il circuito aggiuntivo Dolby B e Dolby C ha prodotto un rapporto segnale/rumore estremamente basso.

  • Introduzione all'elaborazione del segnale digitale

    L'uscita del preamplificatore 118 fu il primo prodotto a essere caratterizzato dalla progettazione digitale end-to-end della tecnologia DSP (Digital Signal Processing). Per tutto il tempo e l'impegno profuso nell'elettronica all'interno del prodotto, il design industriale esterno ne risentì e il 118 fu un fallimento commerciale con solo circa 1000 unità vendute. Tuttavia, l'essenza del progetto del 118 continua a vivere nel lavoro di NAD fino ad oggi.

  • I dolori della crescita

    Nel 1999, NAD ha faticato sotto il peso del suo stesso successo. Lenbrook Group of Companies, società canadese che si occupa di distribuzione e sviluppo di marchi, acquistò il marchio e integrò NAD nella propria attività globale, chiudendo la sede centrale nel Regno Unito e trasferendola in Canada con i suoi talenti chiave.

  • L'ascesa dell'era dell'Home Theatre

    L'acquisizione di NAD da parte di Lenbrook ha coinciso con la crescita della categoria home theatre. Di conseguenza, un problema emergente per il settore è stato quello dei valori di potenza dei sintoamplificatori AV, molto distorti: gli standard originariamente stabiliti negli anni '70 dalla Federal Trade Commission statunitense per i valori di potenza degli amplificatori a due canali non erano adatti a valutare i sintoamplificatori AV e i produttori e i rivenditori hanno iniziato a prendersi delle libertà nello specificare i valori di potenza. NAD ha intrapreso un'azione decisiva, dando priorità all'integrità del marchio e alla trasparenza nei confronti dei consumatori, e ha creato il proprio standard di valutazione della potenza, denominato Full Disclosure Power, nel 2002 con l'introduzione degli AVR T 752, T 762 e dei prodotti successivi, come il T 753. Lo standard applicava una media di potenza in uscita a vari livelli di frequenza e ampiezza con tutti i canali pilotati per simulare l'ascolto nel mondo reale.

  • Costruzione modulare

    A differenza della maggior parte degli amplificatori a due canali, gli AVR si interfacciavano con le tecnologie video e audio. Insieme, il ritmo di cambiamento delle tecnologie video e audio rendeva gli AVR praticamente obsoleti non appena venivano rilasciati, creando un ritmo di sviluppo dei prodotti insostenibile per un marchio di nicchia come NAD. Nel 2007, NAD ha rilasciato una nuova piattaforma AVR con un'innovazione ispirata alla modularità e alla natura personalizzabile dei computer PC, chiamata Modular Design Construction (MDC). L'MDC permetteva al corpo degli AVR di ospitare funzioni fondamentali come la selezione degli ingressi, i controlli del volume e dei toni e l'elaborazione del segnale audio, mentre i requisiti di elaborazione video in rapida evoluzione, insieme a nuovi ingressi e funzioni, potevano essere aggiornati in seguito con l'inserimento di un "modulo" in uno slot dedicato sul pannello posteriore dell'AVR. È notevole che l'AVR T 765 possa oggi essere aggiornato per includere i moderni standard tecnologici come Bluetooth, WiFi, Dolby Atmos e streaming musicale. NAD sostiene il programma MDC ancora oggi.

  • Passare alla classe D

    NAD diventa uno dei primi marchi audiofili a passare con successo all'amplificazione in classe D con il lancio dell'amplificatore integrato della serie M2 Masters . L'amplificatore è caratterizzato da un percorso del segnale interamente digitale che utilizza una tecnologia Direct Digital Feedback Amplifier (DDFA). BEE e il team NAD hanno collaborato con Zetex, i produttori originali di DDFA, per fornire un banco di prova reale che, insieme, ha permesso a questi team di spremere incredibili prestazioni audio da questa innovativa piattaforma di amplificazione digitale, che ha portato a una drastica riduzione del rumore e della distorsione rispetto all'amplificazione di classe A/B e ha fatto emergere un livello di dettaglio acustico prima insondabile.

  • Introduzione alla musica connessa in rete

    Riconoscendo che le reti e Internet avrebbero guidato la fornitura di servizi nei decenni a venire, NAD rilascia l'M50, un lettore CD e uno streamer musicale di rete che è stato il seme che alla fine è cresciuto fino a diventare BluOS, la piattaforma di streaming multiroom ad alta risoluzione dominante nel settore hi-fi di oggi.

  • La leggenda di Marty Borish

    Martin L. Borish, fondatore di NAD Electronics e mente dei 50 anni di storia del marchio, si è spento dopo una tranquilla battaglia contro il cancro. La sua visione influente dietro NAD continua a risuonare tra gli appassionati di hi-fi e gli audiofili di tutto il mondo.

  • La leggenda di Bjørn-Erik Edvardsen

    All'età di 73 anni, Bjørn-Erik Edvardsen Edvarsen, ingegnere audio di NAD, senza pretese ma geniale, si è spento. Al momento della sua morte, aveva completato 45 anni di carriera interamente con NAD, continuando a progettare attivamente prodotti e a fare da mentore a una nuova generazione di entusiasti progettisti audio che continuano tuttora l'eredità progettuale sua e di NAD.

  • Eigentakt e oltre

    Oggi NAD continua ad essere riconosciuta per la sua leadership nello sviluppo di tecnologie di amplificazione, in gran parte utilizzando una famiglia di progetti digitali ibridi ottimizzati per sorgenti musicali sia digitali che analogiche. L'M33, uscito nel 2020, è stato il primo amplificatore disponibile in commercio a montare la tecnologia Eigentakt, l'ultima novità in fatto di progetti digitali ibridi che vantano una distorsione armonica e intermodulare quasi incommensurabile, un'erogazione di potenza invariante rispetto al carico e una chiarezza a basso volume che persino gli amplificatori più costosi faticano a replicare.

Chiudere la finestra a comparsa

Um zu den Websites unserer Vertriebspartner in Deutschland, der Schweiz oder Österreich zu gelangen, klicken Sie bitte auf die entsprechende Flagge unten. Sie verlassen die Website von NAD. Wir sind nicht für den Inhalt oder die Verfügbarkeit dieser Websites verantwortlich und bitten Sie, deren Sicherheits- und Datenschutzrichtlinien zu lesen, da sie von denen von NAD abweichen können. Andernfalls, wenn Sie auf nadelectronics.com bleiben möchten, wählen Sie bitte "bleiben".

Per continuare sui siti dei nostri partner di distribuzione in Germania, Svizzera o Austria, cliccare sulla bandiera appropriata qui sotto. Lascerete il sito web del NAD e non siamo responsabili del contenuto o della disponibilità di questi siti e vi invitiamo a leggere le loro politiche di sicurezza e di privacy in quanto possono differire da quelle di NAD. quelle di NAD. Altrimenti, se si desidera rimanere su nadelectronics.com, si prega di selezionare "Bleiben".